domenica 26 febbraio 2017

Ridurre l’uso di plastica. Per noi è un dovere.












Provate a pensarci…… nella nostra quotidianità maneggiamo tantissima plastica. Bottiglie di acqua, merendine, sacchetti, scatolette, ecc. la plastica è ovunque attorno a noi. Pensate che l’Italia è il primo paese europeo per consumo di plastica, uno dei pochi primati che ci aggiudichiamo.
Per lo più è l’acqua ad inserirci al primo posto per il consumo. Ancora pochissimi italiani si fidano dell’acqua che esce dal rubinetto, chi per sfiducia o chi per sentito dire, ci si affida sempre all’acqua comprata al supermercato.
Provate a fare una passeggiata in riva al mare, cosa noterete oltre alla sabbia, al sole e all’acqua salmastra? PLASTICA. Il problema è serio, poiché la plastica si degrada in tantissimo tempo, oltre un secolo è il tempo necessario per far sì che una bottiglia venga assorbita dal terreno.
Il primo passo è stato ampliare considerevolmente la raccolta differenziata, ma ancora ciò che manca, è la consapevolezza di tutti sui danni che la plastica sta facendo al nostro ecosistema. È importante capire che ognuno di noi, nel proprio piccolo, può fare tantissimo per salvaguardare il futuro del pianeta.
Bisogna essere realisti, eliminare la plastica dalla propria vita è pressoché impossibile. Ma possiamo ridurre in modo considerevole l’uso che ne facciamo, senza aspettare che qualcuno lo faccia al posto nostro.
Cosa utilizzate quando andate a fare la spesa? Sacchetti di stoffa o li ritirate direttamente al supermercato? Anche se quasi tutti i centri commerciali ormai se ne sono dotati, per la vostra spesa, utilizzate sempre sacchetti riciclabili o buste di stoffa.

Oltre alla spesa utilizziamo i sacchetti anche per buttare l’immondizia. In commercio si possono trovare sacchetti biodegradabili, preferiteli al classico sacchetto per i rifiuti. È vero, costano di più, ma bastano pochi centesimi per garantire un futuro diverso ai propri figli e a sé stessi.
Nella spesa quotidiana o settimanale, potete fare ancora di più per diminuire l’uso di plastica. Quando scegliete i vostri alimenti confezionati, evitate i contenitori in plastica, non sarà facile, ma oramai tutti i grossi centri commerciali hanno una vasta scelta di prodotti tra cui scegliere. Oltre a salvaguardare la salute del pianeta, otterrete anche un miglioramento del sapore dei vostri alimenti. Sappiate infatti che gli alimenti se lasciati per diversi giorni nella plastica possono diventare tossici, proprio perché nella plastica possono essere contenute tossine nocive per l’organismo che cambiano anche il sapore dei prodotti.
Per congelare gli alimenti, non sempre è necessario un sacchetto di plastica, ma potete anche utilizzare carta da cucina. Se ti piace usare utensili da cucina, comprateli di legno o di acciaio! Oltre a garantire una durata maggiore, avrete a disposizione utensili duraturi e meno impattanti sull’ambiente.
Usate bottiglie di vetro! Se non vi fidate troppo dell’acqua che esce dai vostri rubinetti, potete installare dei depuratori. In questo modo l’acqua diventerà più buona, sicura e potabile al 100%. Pian piano smetterete di usare bottiglie di plastica, preferendo invece bottiglie di vetro.



Spesso la plastica si nasconde anche dove non penserete mai. Avete presente i micro granuli, spesso presenti in dentifricio e detersivi? Bene, sappiate che è tutta plastica. Ma state tranquilli, non fa male all’organismo umano (nemmeno troppo bene), ma i danni maggiori li provoca agli ecosistemi marini, poiché rilasciati nell’acqua quando laviamo i vestiti e i denti. Qui eliminare la plastica è semplice, evitate di comprare prodotti con micro granuli.

C’è un’altra cosa che consumiamo abitualmente che provoca danni molto ingenti sull’ambiente…… Forse mentre state leggendo questo articolo ne avrete una in bocca. Se siete perspicaci avrete capito, la gomma da masticare. Per l’ambiente è come una bottiglia di plastica, difficilissima da smaltire ed estremamente dannosa per l’ecosistema. Se il vostro problema è l’alito cattivo, provate con una foglia di menta, vi basterà masticarla e non avrete più necessità di masticare compulsivamente un chewingum.
Se la svolta che vorrete intraprendere è drastica, potete anche iniziare a pensare a vestiti di fibra naturale. È una cosa ancora poco utilizzata, ma per gli amanti della natura vengono prodotti sempre più vestiti utilizzando le piante.
Per gli amanti degli acquisti in massa buone notizie. Se vi piace comprare più articoli contemporaneamente, sappiate che la vostra predisposizione per la salvaguardia ambientale è molto più accentuata rispetto a chi compra sporadicamente e meno oggetti. Pensate a quanti sacchetti potete far risparmiare al pianeta comprando più cose contemporaneamente. 
Molti dei consigli che avete trovato in questo articolo possono essere facilmente realizzabili, per altri, invece, sarà necessaria buona volontà. I responsabili dell’ecosistema siamo noi, e nessun altro al posto nostro farà nulla per salvaguardarlo.

fonte: https://www.ecosost.it