venerdì 12 maggio 2017

Riciclaggio o recupero?



 

E' pensiero diffuso che il riciclaggio sia la migliore soluzione per la trasformazione dei rifiuti. Questa errata consapevolezza non fa che autorizzare e giustificare un atteggiamento consumistico. 

E’ pensiero diffuso che il riciclaggio sia la migliore soluzione per la trasformazione dei rifiuti. Questa errata consapevolezza non fa che autorizzare e giustificare un atteggiamento consumistico. In realtà sarebbe auspicabile dare la priorità a riutilizzo e riuso, poiché il riciclaggio impone costi ambientali piuttosto alti nel processo di trasformazione. Inoltre il rendimento delle materie prime ottenute è piuttosto basso. Molto più convenienti dal punto di vista ambientale sono il riuso o il recupero (per esempio riutilizzare più volte le bottiglie di vetro come contenitori). Oggi la maggior parte di carta e plastica viene invece riciclata dalle imprese per il costo economico ridotto di tali materiali.
Vestiti, biciclette, giocattoli, cellulari, computers, mobili, libri. Molti oggetti vengono avviati a smaltimento non perché abbiano esaurito la loro funzione, ma perché ci si stanca di loro o perché non possono più essere usati dal primo proprietario. Il problema è che troppo spesso delle merci che acquistiamo non ci interessa la funzione propria, ma il valore intrinseco, di riconoscimento sociale, di simbolo affettivo. Nella nostra società c’è ancora una forte resistenza culturale ad offrire e ad accettare oggetti usati, soprattutto se non viene loro attribuito un valore monetario. Si tende a non considerare piu l’oggetto per la sua utilità ma per ciò che rappresenta. Probabilmente è un retaggio culturale che ci portiamo dietro dal passato recente, quando ancora passare i vestiti da fratello a fratello era segno di povertà. I problemi e le priorità di oggi, nella cultura occidentale, non sono quelli di ieri. E’ giusto e doveroso cambiare una mentalità diffusa sbagliata e proporre incentivi al riuso, in assoluto più sostenibile del riciclaggio. In paesi come la Danimarca, questa procedura ha raggiunto livelli ragguardevoli (si pensi che il 98 % del vetro viene riutilizzato).
Materiali riciclabili: legno, vetro, carta e cartone, tessuti, pneumatici, alluminio, acciaio, alcune materie plastiche, Tetra Pak (in buona parte)

fonte: http://www.quotidianosostenibile.it