lunedì 25 dicembre 2017

RifiutiZeroUmbria Cru_Rz: Chi Siamo




CHI SIAMO: La nascita del Coordinamento viene ufficializzata con una conferenza stampa il 9/6/2012. Le 30 associazioni operanti sul territorio regionale che lo costituirono si riunirono intorno alla necessità condivisa di approfondire e acquisire competenze sul ciclo integrato dei rifiuti e sulla, allora concreta ipotesi, di costruire un inceneritore nel territorio del Comune di Perugia. C'era il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti che lo prevedeva e per scongiurare questa ipotesi era già nata, il 23/10/2010, “Cittadini in rete”, costituita da comitati e associazioni, che aveva promosso incontri con i cittadini per diffondere le conoscenze circa il modo più sostenibile di gestire il ciclo dei rifiuti.

L’esigenza di affrontare in modo scientifico, partecipato e divulgativo il tema del ciclo integrato dei rifiuti, così viene denominato nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (PRGR), è stata la ragione fondante del Coordinamento. E quel primo obiettivo, dobbiamo dire con soddisfazione, abbiamo contribuito a raggiungerlo.

ATTIVITA': “Cittadini in rete” ha portato nel Coordinamento l'esperienza delle assemblee organizzate nei CVA del perugino in cui si sono incontrati centinaia di cittadini ai quali è stato illustrato, usando linguaggio divulgativo, il ciclo dei rifiuti e la modalità di chiuderlo secondo un criterio di sostenibilità ispirato dalle leggi della natura.

Da subito il Coordinamento ha fatto sentire la sua voce con comunicati stampa e conferenze stampa, cercato di relazionarsi con gli interlocutori istituzionali preposti per stabilire una dialettica.

Partecipazione alla raccolta firme per la legge di iniziativa popolare chiamata “Legge Rifiuti Zero” .

Visite organizzate presso i comuni o i centri di gestione più virtuosa dei rifiuti come Capannori – (Lucca) e Vedelago (Treviso).

Dal 2013 abbiamo avviato l'iniziativa dal nome “Verso la società del riciclo”. Un contenitore di esperienze e di incontri con i soggetti che secondo noi stanno operando nel modo giusto e che possono rappresentare un esempio da seguire e/o migliorare. L'edizione 2014 ha visto anche un nuovo esperimento, fatto con tre classi prime della scuola secondaria Di Betto di Perugia, di laboratorio interattivo a tappe. Esperimento molto apprezzato e replicato anche a Paciano durante la settimana europea di riduzione dei rifiuti SERR2014.

Dal mese di Aprile 2017 abbiamo iniziato l’avventura del Repair Cafè, per il momento itinerante. Con appuntamenti mensili durante i quali incontriamo chi è interessato e porta oggetti da riparare mentre si socializza davanti a un caffè. Una piccola iniziativa che incide sulla nostra quotidianità e contribuisce a ridurre i rifiuti.


STRUMENTI: Il Coordinamento è presente nella rete con il blog dedicato http://rifiutizeroumbria.blogspot.com, che riporta anche le notizie sul tema provenienti dal Coordinamento nazionale e dalle altre associazioni appartenenti alla rete di associazioni che ne fanno parte. Dal luglio 2016 esiste anche un gruppo Facebook “Rifiuti: dopo il Consiglio Aperto” https://www.facebook.com/groups/rifiutizeroumbria e da Aprile 2017 c’è la pagina Fb “Repair Cafè Perugia” https://www.facebook.com/Repair-Cafe-Perugia-2280926238799680/

2 commenti:

  1. Vorrei porre alla vostra attenzione un problema, avete mai pensato quanto polistirolo viene usato in ambito ittico? In internet ho trovato un link interessante su una possibile soluzione. http://www.picenotime.it/articoli/6276.html
    Cordiali saluti, Alessio Grechi.

    RispondiElimina
  2. Esistono dei macchinari che permettono il riuso del polistirolo.. si immette la forma in primis in un mulino macinatore che riduce in granuli il polistirolo.. i grani ottenuti li si fa passare in un vaglio per separare le varie granulometrie, dopo di che, attraverso ventilatori si inviano ai vari silos di stoccaggio per il successivo riuso in produzione

    RispondiElimina