martedì 27 febbraio 2018

‘Terni senza cannucce di plastica’, da Londra nella Conca una campagna ecologica

L'idea è venuta a Terni in Action, un gruppo di ragazzi ternani emigrati nella capitale britannica, dove il progetto è già attivo


















TERNI – In un periodo nel quale si fa tanto parlare di economia circolare arriva la notizia di una campagna che mira a fare di Terni la prima città italiana senza cannucce di plastica,   nel contesto di una campagna ambientale partita in Gran Bretagna e destinata presto ad espandersi anche ad altre nazioni.
L’idea è venuta a Terni in Action, un gruppo di ragazzi ternani emigrati a Londra: ” “Vogliamo che Terni diventi la prima città italiana a prodursi in delle soluzioni concrete per ridurre il consumo delle cannucce di plastica monouso, non riciclabili a causa delle loro ridotte dimensioni, e auspichiamo che questo esempio positivo faccia da stimolo per altre simili iniziative da svilupparsi su tutto il territorio nazionale. Potrà sembrare strano che una tale proposta parta da una città industriale alle prese con seri problemi di inquinamento – continuano gli ideatori – ma il punto è proprio questo: desideriamo che Terni cominci realmente a voltare pagina, non solo a livello locale, bensì pure facendosi promotrice di azioni concrete nella lotta per la salvaguardia del pianeta.”
Il progetto. L’idea parte dai numeri che vedono l’Italia consumare ogni anno circa 2 miliardi di cannucce, che una volta disperse nel terreno, impiegano 500 anni per distruggersi completamente. La campagna è partita il 15 gennaio a Londra denominata The Last Straw (l’ultima cannuccia), promossa dal quotidiano Evening Standard. Nella capitale britannica, decine di grandi catene, pub, bar e ristoranti hanno già aderito all’appello, impegnandosi a sostituire le vecchie cannucce con altre di diverso materiale a minore impatto ambientale.
L’idea di sposare la campagna dell’Evening Standard, come detto, è partita proprio da un gruppo di Ternani emigrati a Londra, sicuri che l’iniziativa sarebbe presto arrivata anche in Italia. La messa in pratica nasce invece dalla sinergia con l’associazione culturale Terni in Action, in prima linea sul territorio nell’ambito del sociale, della cultura e del rispetto dell’ambiente.
“La nostra comune convinzione è che una simile politica possa ottenere una grande risonanza positiva per la nostra Terni – ribadiscono i ragazzi – L’attuazione del progetto è molto semplice. Invitiamo pub, bar e ristoranti della città, già 22 gli esercizi commerciali ternani che hanno sposato il progetto, a sostituire progressivamente le vecchie cannucce con altre a minore impatto ambientale. Sarebbe auspicabile che le cannucce non vengano più inserite automaticamente nelle bevande, ma concesse solo su esplicita richiesta del cliente.”
“Per rendere pure i consumatori consapevoli della portata di tale problematica, appositi gadget e materiale informativo saranno presto distribuiti presso gli esercizi che, con la loro adesione, si sono impegnati ad abbandonare l’uso di cannucce di plastica una volta esaurite le scorte di magazzino.. Esistono sul mercato cannucce di diversi altri materiali: fatte ad esempio di “bio plastica” derivata da amido di mais (biodegradabili in 12 settimane), ma anche di carta, metallo e canna di bambù. Sappiamo come queste cannucce siano leggermente più care rispetto alle classiche di plastica – sottolineano gli organizzatori – Gli esercenti che risponderanno a questo appello, in cambio, vedranno però promosso il loro slancio sugli appositi canali predisposti per la campagna. E potranno dire di aver fatto qualcosa di veramente concreto nella battaglia contro l’inquinamento, ottenendo così un bel ritorno in termini di immagine.”
fonte: http://www.lanotiziaquotidiana.it