martedì 19 giugno 2018

Nuove leggi UE sui rifiuti con un ruolo rafforzato per il riutilizzo






Il 22 maggio gli Stati membri dell'UE hanno timbrato le revisioni finali delle principali normative UE sui rifiuti, compresa la direttiva quadro sui rifiuti. La decisione segna la fine dei lunghi negoziati tra il Consiglio e il Parlamento dell'UE sulle proposte legislative pubblicate nell'ambito del pacchetto sull'economia circolare della Commissione nel dicembre 2015. La legislazione entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale e sarà seguita da un periodo di due anni di recepimento a livello nazionale. RREUSE accoglie con favore gli aggiornamenti della direttiva quadro sui rifiuti che contribuirà a stimolare la discussione e l'azione a livello nazionale sulla prevenzione e il sostegno ai rifiuti per le imprese sociali attive nel riutilizzo e riparazione, estendendo la durata dei prodotti e creando posti di lavoro verdi e inclusivi locali. La segnalazione obbligatoria di tassi di "preparazione per il riutilizzo" distinti rispetto a quelli del riciclaggio, nonché lo sviluppo futuro di indicatori quantitativi per misurare il riutilizzo sono solo una manciata di aggiunte positive alla legge aggiornata. Mentre dovrebbero essere stabilite disposizioni più vincolanti, gli Stati membri sono incoraggiati ad andare oltre le nuove regole e guardare paesi come la Spagna che hanno già obiettivi di preparazione per il riutilizzo e fissare gli obiettivi stessi in vista della futura azione dell'UE. Una valutazione della Commissione in obiettivi quantitativi sia per la preparazione per il riutilizzo che per le attività di riutilizzo dovrà essere effettuata prima della fine del 2024, insieme a potenziali proposte legislative.

fonte: www.rreuse.org

Nessun commento:

Posta un commento