mercoledì 27 febbraio 2019

M'illumino di meno: Ri.genera, arriva la giornata sul risparmio energetico
















Venerdì 1 marzo torna M'illumino di Meno, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili targata Caterpillar Rai Radio2. Il claim della 15° edizione della campagna è RI-GENERARE: l’imperativo quest’anno sarà infatti riutilizzare i materiali e ridurre gli sprechi, perché le risorse finiscono, ma tutto si rigenera: un’edizione dedicata all'economia circolare, per cercare di focalizzare l’attenzione sulla salvezza del genere umano sulla Terra, che inevitabilmente passa dal riutilizzo dei materiali, dalla riduzione degli sprechi, dall’abolizione del “fine vita”. Mantenere, recuperare, rigenerare, tenere il più possibile in circolo, perché la Terra è stanca, usurata, sfinita, a rischio e lo dice con il clima che cambia. Il prossimo 1° marzo Caterpillar, il programma condotto da Massimo Cirri, Laura Troja e Paolo Labati, sarà in diretta dal Parco Agroalimentare Fico Eatalyworld di Bologna per una grande cena a Spreco Zero ispirata alla sostenibilità e al recupero della tradizione contadina. Come ogni anno, Rai Radio2 chiederà ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili, in una iniziativa simbolica e concreta che fa del bene al pianeta e ai suoi abitanti. Dall'inizio di M'illumino di Meno, in 15 anni, il mondo è cambiato. L'efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante e le lampadine ad incandescenza che Caterpillar invitava a cambiare con quelle a risparmio energetico, adesso non esistono più. Ma spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell'umanità resta un'iniziativa concreta, non solo simbolica, e molto partecipata. Si spengono sempre le piazze italiane, i monumenti - la Torre di Pisa, il Colosseo, l'Arena di Verona -, i palazzi simbolo d'Italia - Quirinale, Senato e Camera - e tante case dei cittadini. Si sono spenti per M'illumino di Meno la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. In decine di Musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell'inquinamento luminoso.

fonte: https://www.rai.it

Nessun commento:

Posta un commento