giovedì 6 giugno 2019

#ZeroWasteEurope: La gerarchia di Rifiuti Zero per l'Europa

Nuovi strumenti per nuovi tempi. Dalla gestione dei rifiuti alla gestione delle risorse.


















Quando è stata concepita l'attuale gerarchia dei rifiuti (1), la gestione dei rifiuti consisteva nello smaltimento dei nostri rifiuti con il minimo danno alla salute e all'ambiente. Nonostante la sua natura non vincolante, ha dimostrato di essere un valido strumento per fornire indicazioni nella transizione verso la moderna gestione dei rifiuti.





Tuttavia, la gerarchia dei rifiuti è limitata e limitante perché considera le cose da un punto di vista esclusivamente ambientale, cioè non prende in considerazione le considerazioni sociali, economiche e logistiche o la necessità di stimolare una transizione verso la circolarità. Con la nuova cornice mentale imposta dal pensiero dell'economia circolare, crediamo che sia necessaria una nuova gerarchia per cambiare la mentalità dalla gestione dei rifiuti alla gestione delle risorse. Ciò significa che la forza trainante della gerarchia dovrebbe essere non solo lo smaltimento sicuro dei nostri rifiuti, ma anche garantire che il valore delle nostre risorse sia preservato nell'economia per le nuove generazioni.




Il diagramma mostra come la gerarchia dei Rifiuti Zero differisce dalla gerarchia dei rifiuti dell'UE nei livelli superiore e inferiore pur mantenendo i livelli intermedi di preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio. Parlare di conservazione del valore significa fondamentalmente rendere i prodotti e gli imballaggi permanenti nell'economia più a lungo, non come rifiuti ma come materiali e prodotti. In pratica ciò significa che, mentre la pietra miliare dell'attuale gerarchia dei rifiuti è il riciclaggio, la pietra miliare della gerarchia dei rifiuti zero che proponiamo è la conservazione del valore attraverso la progettazione di rifiuti fuori dal sistema. Questo è il motivo per cui nella nuova gerarchia trasformiamo il livello più dimenticato e sottoinvestito dell'attuale gerarchia nella pietra angolare dell'economia circolare per i prossimi anni. Progettare i rifiuti fuori dal sistema influenzando le abitudini di consumo, ripensando i modelli di business e rendendoli privi di rifiuti grazie alla progettazione, dovrebbe essere la priorità principale delle politiche e dei finanziamenti economici e ambientali dell'UE. Solo questo primo livello avrà bisogno di una legislazione dedicata che si occupi della conservazione del valore e non dello spreco. Più in basso nella gerarchia, proponiamo un nuovo approccio allo smaltimento coerente con l'attuale transizione in corso in Europa in termini di gestione delle risorse e decarbonizzazione del mix energetico. In questo senso, sostituisce il vettore di recupero di energia con la convenienza, la conservazione del valore, che si interfaccia anche con una migliore efficienza energetica, data la minore intensità energetica di riutilizzo e riciclaggio relativa all'incenerimento e allo smaltimento (2) e soprattutto la flessibilità. La gerarchia dei Rifiuti Zero ha 7 livelli, due relativi ai prodotti e 5 relativi ai rifiuti:



1. RIFIUTA, RIPENSA, RIDISEGNA 

Il 1 ° livello racchiude tutte le attività relative all'arresto dei rifiuti dalla produzione. Che si tratti di creare un sistema che è privo di sprechi per progettazione o fermando la commercializzazione di articoli monouso che possono essere facilmente sostituiti con alternative. Esempi: La consegna di cibo, cibo da portare via ma potrebbe essere applicato anche all'e-commerce, dovrebbe usare imballaggi riutilizzabili in sistemi chiusi. Possiamo vedere esempi in Repack, ReCircle e Freiburg Cup. Perché questa diventi la nuova norma abbiamo bisogno di regolamenti progressivi. Per i sistemi di e-commerce riutilizzabili come RePack potrebbero diventare più competitivi se le tariffe di EPR (Extended Producer Responsibility) sono eco-modulate per rendere il riutilizzo più conveniente rispetto al singolo uso o se i regolatori stabiliscono obiettivi ambiziosi per il riutilizzo degli imballaggi e-commerce o per i tassi di raccolta. 

2. RIDUCI E RIUTILIZZI 

Rimanendo nella zona non rifiuti, il secondo livello della gerarchia affronta l'aumento progressivo del mercato degli articoli usati che non sono diventati rifiuti, rimangono un bene sottoutilizzato delle nostre economie o diventeranno rifiuti nonostante non abbiano perso il loro valore d'uso. L'obiettivo è impedire che vengano scartati e invece trovare i modi per farli tornare nell'economia. Esempi: Nel settore alimentare, Phoenix ha sviluppato un sistema per i supermercati per evitare che gli alimenti diventino rifiuti e li rendano disponibili per il consumo. Ereuse ha sviluppato un sistema che non solo smette di produrre rifiuti e fa espandere la vita utile dei componenti e dei componenti, ma introduce anche una tecnologia a catena di blocchi per tracciare i componenti per il futuro, misurare le loro prestazioni e assicurare che vengano riciclati in modo appropriato presso fine della loro vita. 

3. PREPARAZIONE PER IL RIUTILIZZO 

Spostandosi nell'area dei rifiuti, il terzo livello della gerarchia dei Rifiuti Zero riflette il secondo livello della gerarchia dei rifiuti dell'UE: la preparazione per il riutilizzo riproduce gli sforzi per pulire, riparare e rinnovare gli elementi che sono diventati rifiuti affinché possano diventare nuovamente prodotti. Esempio: La ristrutturazione di elettrodomestici bianchi come i frigoriferi per renderli adatti per essere riutilizzati. 

4. RICICLAGGIO, COMPOSTAGGIO, DIGESTIONE ANAEROBICA

Il 4 ° livello della gerarchia riguarda ciò che, in uno scenario ideale, dovrebbe essere l'ultima opzione per conservare i materiali nella gestione sostenibile delle risorse, ovvero trasformare i rifiuti raccolti separatamente in materie prime secondarie di alta qualità. Questo livello rispecchia il 3 ° livello dell'attuale gerarchia dei rifiuti dell'UE. Esempio: Trasformare separatamente carta o cartone raccolti in cellulosa per nuovi prodotti o imballaggi. Trasformare la fonte in composti organici di alta qualità in ammendanti mediante compostaggio e / o digestione anaerobica (3) in modo da ripristinare la fertilità dei terreni.


5. RECUPERO MATERIALE E CHIMICO 

Come spiegato, la gerarchia dei Rifiuti Zero differisce da quella di UE e la integra nella configurazione dei suoi livelli più bassi. La gerarchia dei rifiuti dell'UE pone il recupero energetico come il prossimo passo dopo il riciclo, mentre la gerarchia dei Rifiuti Zero privilegia l'estrazione di materiali preziosi dai rifiuti misti e gli scarti dai processi di smistamento. Questo è meglio allineato con la visione di Economia Circolare, che è fondamentalmente basata sul mantenimento di materiali e risorse all'interno del ciclo, mentre il trattamento termico mostra come una "perdita di risorse". Le operazioni di recupero dei materiali e di trattamento biologico sui rifiuti misti in sistemi con elevate percentuali di raccolta differenziate - come richiesto dalla nuova legislazione UE sui rifiuti - offrono un modo economicamente conveniente per preservare il valore delle risorse riducendo al minimo lo smaltimento. Le nuove tecnologie relative al riciclaggio chimico si adattano anche a questo livello, purché trattino gli scarti dei processi di smistamento, e non con flussi separati, e trasformano i polimeri usati in nuovi. 

6. GESTIONE RESIDUI 

L'attuale legislazione UE sui rifiuti obbliga a raccogliere separatamente e separatamente i flussi di rifiuti, consentendo alla maggior parte dei rifiuti biologicamente attivi di essere deviati dai rifiuti residui. Mediante una precedente stabilizzazione biologica, i rifiuti possono essere collocati in discarica in sicurezza, nel pieno rispetto della direttiva sulle discariche e dei relativi obblighi di pretrattamento. Tali sistemi possono essere progettati per lavorare su quantità crescenti di sostanze organiche separate dalla fonte e quantità ridotte di rifiuti residui. La transizione che l'Europa vedrà nei prossimi anni, in gran parte in base al successo nel progredire verso la progettazione di sistemi privi di rifiuti, vedere i livelli 1 e 2, dovrebbe vedere diminuire la quantità di rifiuti residui e richiedere flessibilità per adattarsi al nuovo scenario. 

7. INACCETTABILE 

La nuova gerarchia qualifica come inaccettabile le opzioni che creano effetti di blocco che ostacolano la transizione, distruggono le risorse e / o sono inaccettabili dal punto di vista ambientale. Il collocamento in discarica di rifiuti non stabilizzati, rifiuti e qualsiasi tipo di combustione o co-combustione di rifiuti misti, con o senza ossigeno, sono opzioni che dovrebbero diventare parte del passato perché contraddicono l'agenda di decarbonizzazione dell'UE e assorbono gli investimenti che dovrebbero essere indirizzati a i livelli più alti della gerarchia. 

Conclusioni 

La gerarchia dei rifiuti dell'UE non è perfetta, ma è utile all'Europa per ridurre al minimo l'impatto ambientale delle nostre attività di gestione dei rifiuti. Tuttavia, non è opportuno raggiungere l'ambiziosa circolarità e gli obiettivi di sostenibilità che ci stiamo prefiggendo. Abbiamo bisogno di nuovi strumenti per i nuovi tempi e la gerarchia dei Rifiuti Zero che proponiamo è uno strumento che pone le giuste priorità per raggiungere gli obiettivi dell'Europa circolare.

NOTA: La Gerarchia dei Rifiuti Zero è stata sviluppata in collaborazione con Zero Waste International Alliance di cui Zero Waste Europe è membro.

fonte: https://zerowasteeurope.eu

Nessun commento:

Posta un commento