sabato 1 luglio 2017

Finalmente ecco una proposta di legge per incentivare il riciclo made in Italy

Bratti a greenreport: «Iniziativa che va assolutamente sostenuta, ma su questi temi occorre una battaglia a livello europeo, altrimenti l’economia circolare rischia di non decollare»

























Come anticipato in esclusiva da greenreport, è stata presentata una proposta di legge che mira a introdurre Incentivi fiscali per favorire la diffusione dei prodotti in materiale riciclato, istituzione dell’insegnamento dell’educazione ambientale e altre disposizioni per promuovere la cultura del riciclo. Il testo della pdl, che vede come primo firmatario il vicepresidente della Commissione parlamentare sul traffico illecito dei rifiuti Stefano Vignaroli non è ancora stato ufficialmente divulgato tra le attività della Camera dei deputati, ma la bozza di cui greenreport può disporre lascia intravedere una proposta legislativa dalle ampie possibilità con l’obiettivo di «rafforzare l’economia circolare, stimolando il riciclo in un settore che attualmente non ha sviluppato le sue potenzialità di mercato».
«Oggi – si spiega nella pdl –  tra gli imballaggi raccolti in modo differenziato nel nostro Paese, ve ne sono molti che trovano un’immediata possibilità di riciclo e di mercato», ma al contempo esistono «altri imballaggi per i quali la collettività sostiene importanti costi che, senza adeguate politiche di impulso, trovano notevoli difficoltà di riciclo e, più spesso, sono destinate al recupero energetico tramite la termovalorizzazione o allo smaltimento in discarica. Tra queste frazioni, vi sono gli imballaggi in plastiche miste, il cosiddetto plasmix». Non si tratta di una frazione minoritaria: come mostrano i casi concreti dove il riciclo del plasmix è già realtà – come nel bacino servito dalla toscana Revet – si parla di quantitativi che arrivano a superare il 50% di tutti gli imballaggi in plastica raccolti in modo differenziato.
Da qui il paradosso tutto italiano: «Se, correttamente, il legislatore italiano ha scelto che gli imballaggi in plastiche miste facciano parte delle raccolte differenziate, riconoscendo implicitamente al recupero di tali imballaggi un valore per l’ambiente, occorre che ci si faccia carico di garantire l’effettivo riciclo». Si articola da queste premesse la proposta di legge in oggetto, il cui «scopo prioritario» è quello «incentivare una autentica economia circolare che trasformi le raccolte differenziate in una fonte di materie prime seconde e, quindi, di nuovi prodotti». Un’economia che vada oltre la mera raccolta differenziata e aiuti a concretizzarne il fine, ovvero il riciclo effettivo.
In altre parole, la pdl sostanzialmente si prefigge di incoraggiare la rinnovabilità della materia (che finora nel nostro Paese non ha mai ricevuto sostegno economico) come già fatto con la rinnovabilità dell’energia, garantendo incentivi per la produzione di energia rinnovabile.
A tal fine, tra le principali iniziative previste dalla pdl, il testo prevede l’introduzione di un «credito d’imposta per l’acquisto di prodotti e arredi in materiale riciclato post consumo», una «certificazione obbligatoria della Plastica seconda vita (Psv) ed EuCertPlast», apposite »campagne di comunicazione istituzionale» e – non da ultimo – la «pianificazione di interventi di riqualificazione in aree pubbliche» attraverso l’istituzione di un fondo da 200 milioni di euro annui presso il ministero dell’Ambiente per l’acquisto 2017 per l’acquisto «a decorrere dal 2017» di prodotti «realizzati in materiale riciclato post consumo derivati dall’attività di selezione delle raccolte differenziate degli imballaggi in plastica».
Già oggi infatti, come noto, la legge tenta di indirizzare gli acquisti della Pubblica amministrazione – la cui spesa complessiva vale qualcosa come 284 miliardi di euro l’anno – in senso ecologico, in modo da dare fiato alla green economy. Eppure, i fatti dicono che nel 12,5% dei casi appena gli acquisti della Pa vengono operati tenendo conto dei Criteri ambientali minimi. La proposta di legge appena avanzata si ripropone di cambiare finalmente le cose.
«Anche se non ho ancora avuto modo di leggere in dettaglio la pdl – conferma a greenreport il presidente della Commissione parlamentare sul traffico illecito dei rifiuti, Alessandro Bratti (nella foto) – la sua filosofia è quella giusta, si tratta di un’iniziativa che va assolutamente sostenuta». Non a caso il parlamentare dem, intervenendo all’Ecoforum organizzato da Legambiente, La nuova ecologia e Kyoto club a Roma, ha sottolineato nel suo intervento la necessità di adoperare la leva fiscale per aiutare concretamente il mondo del riciclo. Un’opera però che non può fermarsi entro i confini italiani.
«Sul tema fiscale si possono fare interventi nazionali – aggiunge infatti Bratti – ma dovrebbe essere regolato a livello europeo per evitare il rischio di drogare il mercato. Dobbiamo armonizzare il piano fiscale, da un lato incentivando il recupero di materia e dall’altro eliminando quelli che sono incentivi negativi», presenti in modo robusto anche in Italia: come documentato dal ministero dell’Ambiente, ogni anno il Paese spende infatti 16,1 miliardi di euro in sussidi dannosi per l’ambiente, più di quanto ne impieghi per difenderlo. «Occorre una battaglia a livello Ue su questi temi – conclude Bratti – perché senza leva fiscale l’economia circolare rischia di non decollare».

fonte: www.greenreport.it