domenica 10 giugno 2018

Nel mondo si ricicla solo il 15% della plastica

Un rapporto Ocse scatta una fotografia del riciclo della plastica a livello mondiale. In Europa ne ricicliamo il 30 per cento, mentre il 60 per cento finisce in discarica o abbandonato.





















Sono numeri impietosi, quelli del riciclo della plastica a livello globale. Secondo un nuovo rapporto redatto dall’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), solo il 15 per cento viene raccolta e riciclata. Il 25 per cento viene avviato a recupero energetico, mentre il 60 per cento finisce in discarica, abbandonato o bruciato all’aperto. Colpa della scarsa qualità della plastica riciclata, della mancanza di politiche che ne incentivino il riciclo e dei prezzi della materia prima, ancora troppo bassi per competere con la materia prima seconda.


Meglio l’Europa, male gli Stati Uniti

Le percentuali di riciclaggio variano molto da nazione a nazione. Si va dal 30 per cento in media entro i confini europei, al 10 per cento registrato dagli Stati Uniti. Tra i diversi polimeri invece sono il Pet e l’Hdpe (polimeri utilizzati per lo più negli imballaggi) a far registrare le percentuali migliori (dal 19 per cento all’85 per cento), mentre per quanto riguarda il polipropilene e il polistirolo i valori sono ancora molto bassi, dall’1 per cento al 21 per cento.

“La produzione di plastica è ad alta intensità energetica – si legge nel rapporto – e rappresenta dal 4 per cento all’8 per cento del consumo globale di petrolio e gas”. Energia e materie prime impiegate spesso per produrre oggetti usa e getta, in un contesto di economia lineare che non possiamo più permetterci, perché alimenta lo spreco di risorse e di energia.






















Il riciclo della plastica in Italia

Nel 2016 la raccolta differenziata gestita da Corepla (Consorzio per il riciclo e recupero degli imballaggi in plastica) è stata pari a 961 kt (migliaia di tonnellate). La filiera degli imballaggi in plastica nel 2016 ha registrato un incremento del 2 per cento delle quantità avviate a riciclo che hanno raggiunto 894 kt, mantenendo il risultato del 41 per cento di avvio a riciclo rispetto all’immesso al consumo (fonte: L’Italia del riciclo su dati Corepla).
Gli oceani stanno soffocando

Sono circa 8 milioni le tonnellate di rifiuti plastici che finiscono negli oceani ogni anno. Letteralmente un mare di plastica che presto potrebbe superare in quantità la presenza di pesci. Ciò avviene sopratutto nei Paesi in via di sviluppo, dove mancano del tutto serie politiche di raccolta e riciclo, mentre la materia prima rimane ancora troppo conveniente. Al di là delle norme che ne vietano o meno l’utilizzo, i prodotti in plastica, dalla loro progettazione al riciclo finale, dovranno uscire dalla logica dell’usa e getta e tenere conto anche dei costi ambientali, ormai divenuti elevatissimi.

fonte: https://www.lifegate.it