martedì 5 febbraio 2019

Raccolta differenziata, a Napoli venerdì 1 febbraio il VII seminario formativo Anci-Conai

In vista del rinnovo del nuovo Accordo Quadro Anci-Conai 2019-2024 il seminario rappresenta un’opportunità di approfondimento e aggiornamento con particolare riguardo agli aspetti tecnici, operativi ed economici dell’Accordo Quadro per la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio da raccolta differenziata





















Venerdì 1 febbraio a Napoli si terrà la settima tappa dei Seminari di formazione Anci-Conai (leggi il programma) che rappresentano il proseguimento di un percorso virtuoso avviato grazie all’Accordo Quadro Anci-Conai e destinato a rendere continuativa la formazione di tutti quei soggetti (Comuni, aziende affidatarie del servizio, Enti di governo del servizio rifiuti ex art. 3-bis del DL n. 138/2011) che a vario titolo operano nel settore dei rifiuti.
Attraverso le esperienze dei cicli di seminari tenuti negli anni precedenti e dai risultati forniti dalla Banca-Dati, questo ciclo, calibrerà la formazione ed informazione alle necessità effettivamente emerse e alle diverse caratteristiche territoriali.
I seminari Anci-Conai rappresentano un’opportunità unica di approfondimento e aggiornamento con particolare riguardo agli aspetti tecnici, operativi ed economici dell’Accordo Quadro per la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio da raccolta differenziata; soprattutto quest’anno, in vista del rinnovo del nuovo Accordo Quadro Anci-Conai 2019-2024. Tra i molti obiettivi dei seminari di formazione: informare e formare in merito alla corretta gestione dei rifiuti; diffondere e promuovere i contenuti dell’ Accordo Anci-Conai; fornire competenze e conoscenze aggiuntive attraverso il focus di approfondimento normativo; fornire assistenza tecnica, offrendo un supporto alle criticità riscontrate con risposte puntuali; supportare l’implementazione delle forme associative tra Comuni, con lo scopo di organizzare la gestione unitaria dei rifiuti urbani, secondo criteri di efficienza ed economicità; sostenere il superamento della disomogeneità dell’attività di raccolta differenziata sul territorio nazionale.
fonte: Anci

Nessun commento:

Posta un commento