mercoledì 14 giugno 2017

In Emilia-Romagna riparte la stagione dei fossili. 31 permessi e 9 nuove istanze


















La denuncia arriva da Legambiente Emilia Romagna: «Riprendono in tutta la  Regione le attività di ricerca idrocarburi dopo la “pausa forzata” degli ultimi anni: 31 permessi di ricerca vigenti su terra ferma e 9 nuove istanze di permesso di ricerca. L’associazione presenta i dati sull’estrazione di combustibili fossili nella regione: «Dal sito del ministero dello sviluppo economico risultano 31 i permessi di ricerca su terra ferma  vigenti in Emilia-Romagna. Su 6 di essi è stata già presentata istanza di perforazione del pozzo esplorativo, su 3 è stata presentata istanza di coltivazione mentre su 9  è stata presentata istanza di rinuncia. Alle 31 attività già in corso vanno aggiunte 9 nuove istanze di permesso di ricerca (Brola, Castiglione di Cervia, Fiorenzuola D’Arda, Fontevivo, La Risorta, La Stefanina, Reno Centese, San Patrizio, Zanza), 7 delle quali in fase di Valutazione di Impatto Ambientale». »
Secondo gli ambientalisti è «Preoccupante il rilancio delle fonti fossili, che smentirebbe l’obiettivo “100% rinnovabili” al 2050 contenuto nel  Piano energetico regionale. Accogliendo tutte le nuove istanze, si darebbe il  segnale opposto alla necessità di ridurre in modo drastico le emissioni climalteranti.  Il cambiamento climatico è un problema attuale anche nella nostra regione, con un aumento medio delle temperature di 1,1  gradi centigradi rispetto al periodo 1960-1990».
Il Cigno verde emiliano-romagnolo spiega che «Riparte la stagione degli idrocarburi in Emilia-Romagna. Dopo una pausa forzata, innescata dal DGR 547 del 23 aprile 2014 nel quale la regione ha sospeso l’espressione di pareri e valutazioni “tesi a consentire lo svolgimento sul territorio di nuove attività di ricerca, prospezione, coltivazione e stoccaggio di idrocarburi” a seguito del sisma del 2012, è ricominciata la corsa alla ricerca di gas e petrolio in regione. La revoca della sospensione risale al 13 luglio 2015 (DGR 903/2015), a far seguito della quale sono ripartite le autorizzazioni di prospezione e ricerca, attività propedeutiche a nuove estrazioni».
Legambiente sottolinea che «Rigettando da subito le nuove istanze di permesso di ricerca, l’Emilia-Romagna darebbe le gambe a quanto indicato nel Piano energetico Regionale, che punta all’obiettivo “100% rinnovabili” al 2050, ed ai contenuti del Piano aria che fissa l’obiettivo al 2020 di ridurre all’1% la popolazione esposta all’inquinamento atmosferico. Diversamente, se venissero approvate le nuove istanze di permesso di ricerca, si seguirebbe nella pratica una direzione completamente opposta a quanto indicato nei piani. Le amministrazioni, dal livello regionale a quello locale, dimostrerebbero per l’ennesima volta di utilizzare il concetto di sostenibilità solo nei piani, superati però nel quotidiano da logiche economiche ferme al ventesimo secolo».
Per l’associazione ambientalista, «Rigettare le istanze di ricerca idrocarburi da subito significherebbe porsi in prima linea nel raggiungimento degli obiettivi fissati dagli accordi internazionali, per il contenimento dell’innalzamento della temperatura globale entro gli 1,5 gradi» e ricorda che «Dai dati contenuti nell’edizione 2017 dell’Atlante Climatico dell’Emilia-Romagna di Arpae, emerge chiaramente che il problema del riscaldamento globale tocca direttamente anche la nostra regione: le temperature medie regionali nel periodo 1991-2015 sono aumentate di 1,1 °C (+1,4 °C le massime, +0,8 °C le minime) rispetto al periodo 1961-1990. Allo stesso tempo le precipitazioni annuali sono diminuite di 22 mm (-2%) ma con notevoli cambiamenti stagionali (estati più aride e autunni più piovosi).Tra i capoluoghi dell’Emilia-Romagna, le due città in cui si è osservato un aumento maggiore delle temperature medie annuali sono Reggio Emilia (+1,6 °C) e Modena (+1,4 °C)».
Legambiente conclude: «Serve spingere con forza sull’acceleratore della sostenibilità investendo su rinnovabili, efficienza energetica, mobilità sostenibile e riqualificazione urbana, ed abbandonare l’era della fonti fossili nel più breve tempo possibile. Un strategia che metterebbe al centro la valorizzazione delle bellezze artistiche e naturali del territorio oltre che della produzione agricola, vera fonte di reddito e ricchezza per la Food Valley d’Italia».

fonte: www.greenreport.it